La Cattedrale di San Lorenzo

Di origine romanica (si trovano già delle citazioni nel IX secolo) fu ingrandita nei secoli XIII-XIV e rinnovata in stile rinascimentale tra il secolo XV e il XVI. La facciata, opera rinascimentale del 1517, è divisa in due da una cornice trasversale, sotto la quale ci sono 15 medaglioni che raffigurano Profeti e Sibille. Le due parti sono a loro volta suddivise in tre settori: nel piano inferiore si situano i tre portali, ciascuno con a fianco il busto di figure bibliche. Il rosone risale alla prima metà del sec. XVI. All’inizio di questo secolo l’interno della cattedrale venne rinnovato in stile neogotico; così facendo si coprirono in parte gli affreschi del ‘400. Da ammirare la cappella di Santa Maria delle Grazie (la seconda sulla destra), eretta alla fine del sec. XV come ringraziamento alla Madonna per aver fatto cessare la peste: venne restaurata in stile barocco nel 1774. Raffigura la Vergine con il Bambino e i ss. Lorenzo e Rocco. Sul cancelletto d’entrata si nota lo stemma della città con la bandiera della battaglia del 1798. Il fonte battesimale e il tabernacolo, in stile rinascimentale, sono del sec. XV, dipinti allegorici (trompe-l’oeil) nel coro. La chiesa venne dichiarata Cattedrale nel 1884.