Chiesa Santa Maria degli Angeli

La costruzione della chiesa ebbe inizio nel 1499, su commissione dei Francescani minoriti che occupavano l’annesso monastero dal 1470; terminò nel 1515. Dal punto di vista artistico è la chiesa più importante della città; al suo interno si possono ammirare le opere di Bernardino Luini, il discepolo prediletto di Leonardo da Vinci, egli lavorò nella chiesa e nel convento tra il 1527 e il 1530. Ecco le opere dell’artista lombardo che si possono ammirare all’interno della chiesa: Crocifissione di Cristo - 1529 Non si tratta soltanto dell’affresco più grande mai realizzato da Bernardino Luini, ma è anche l’opera rinascimentale più estesa della Svizzera. E’ dipinta su tre livelli: sotto ammiriamo la Crocifissione, in mezzo la Via Crucis e in alto la Resurrezione. Sui pilastri sono raffigurati San Sebastiano (a sinistra) e San Rocco (a destra). Negli anni ’20 l’affresco fu restaurato. Ultima Cena - 1529 L’opera è posta sulla sinistra della chiesa, si può facilmente riconoscere l’influsso del grande Leonardo sul lavoro del suo allievo. Originariamente l’affresco si trovava nel refettorio del monastero adiacente; dopo la chiusura del refettorio l’affresco fu trasportato al suo posto attuale. L’ultima cena è composto da tre sezioni si differente grandezza. Su uno dei pilastri delle cappelle laterali è collocata un’altra opera del Luini: Cristo crocifisso con San Bernardo e San Francesco. Così come nella prima cappella a destra, oggi fonte battesimale, si può ammirare la Madonna con Gesù e San Giovanni da bambini: in origine si trovava nella vecchia sagrestia. Sull’altare maggiore e su quello della cappella di San Teodoro ci sono dei bellissimi lavori in scagliola. All’uscita della chiesa si nota una piccola porta intagliata nel legno. Durante il periodo della grande peste (1629 – 1632) la chiesa fu utilizzata come ospedale e attraverso quell’uscio le salme venivano posate all’esterno.